Torna al blog

Attacchi informatici Italia

Cybersecurity: l’Italia è il 4° Paese d’Europa più colpito da attacchi cyber, difendersi non è più un optional!

Negli ultimi mesi, il nostro Paese ha visto un drastico aumento degli attacchi informatici Italia, diventando uno dei principali bersagli in Europa. Questa escalation di eventi cyber ha messo in evidenza la vulnerabilità del nostro tessuto economico e sociale, e ne ha reso fondamentale un’attenzione particolare da parte di imprenditori e aziende.

A tal proposito, abbiamo raccolto alcuni dati in materia di attacchi informatici Italia che,(insieme al rapporto Clusit), ti faranno comprendere in modo concreto perché non puoi più esimerti dal proteggere la tua azienda dalle azioni di cybercriminali. Leggili ora insieme a noi.

Attacchi informatici Italia: a maggio sono aumentati del 148% rispetto ad aprile!

L’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale ha rivelato in un report dei dati preoccupanti. Secondo il rapporto, a maggio 2024 si sono verificati ben 283 attacchi cyber nel nostro Paese, un aumento impressionante del 148% rispetto al mese precedente.

Una buona parte degli attacchi informatici ha coinvolto cittadini e società private operanti in settori “tradizionali”. Tra quelli maggiormente danneggiati abbiamo la pubblica amministrazione che risulta tra le più colpite con 72 attacchi, seguita dai trasporti con 40 e dalle telecomunicazioni con 30. Anche i servizi finanziari e il settore manifatturiero non sono stati risparmiati, con rispettivamente 13 e 11 attacchi. Quest’ultimo settore ha visto un incremento del 117% rispetto ad aprile, dato che sottolinea l’urgenza di potenziare le difese cyber.

La crescente preoccupazione per la Cybersecurity Italia è stata al centro della Conferenza internazionale sulla costruzione di un ecosistema di Cyber Capacity Building, tenutasi il 2 luglio alla Farnesina. L’evento ha visto la partecipazione di figure di spicco come il Ministro degli Esteri Antonio Tajani, il Ministro dell’Interno Matteo Piantedosi e il Direttore dell’Agenzia Nazionale per la Cybersicurezza, Bruno Frattasi. Durante la conferenza, che ha anticipato la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DDL Cybersecurity in Italia, rappresentanti di enti pubblici, privati e del mondo accademico hanno discusso strategie per creare un sistema capace di affrontare le minacce cyber a livello internazionale.

LEGGI ANCHE: Il Quishing è il nuovo Phishing: cresce la nuova cyber truffa che sfrutta i QR Code

Cybersecurity Italia: ipotizziamo le cause della crescita di dati così preoccupanti

Ma perché stiamo assistendo a un’impennata così allarmante di attacchi informatici Italia? Possiamo ipotizzare diverse cause:

  • Trasformazione digitale rapida e sicurezza inadeguata: l’adozione accelerata di tecnologie digitali, spesso non accompagnata da adeguate misure di Cybersecurity Italia, ha creato nuove vulnerabilità. Le aziende si sono trovate a dover integrare soluzioni avanzate senza il tempo o le risorse per implementare adeguati protocolli di sicurezza e di protezione della rete aziendale. Ne è un esempio l’aumento del lavoro da remoto con, in parallelo, una scarsa protezione delle reti domestiche. Le connessioni da remoto non protette offrono ai cybercriminali nuove opportunità per infiltrarsi nei sistemi aziendali. Per tale ragione risulta necessario tutelarsi il prima possibile;
  • Sofisticazione dei Cybercriminali: gli hacker si aggiornano costantemente e sono sempre più organizzati e sofisticati. Non si tratta più di individui isolati, ma di gruppi ben strutturati con risorse significative, che pianificano attacchi informatici Italia complessi e mirati;
  • Mancanza di consapevolezza e formazione: la scarsa consapevolezza e formazione in materia di sicurezza informatica tra i dipendenti è un fattore centrale. Spesso, basta un click su un link malevolo per aprire le porte ai cybercriminali. Le aziende devono investire non solo in tecnologie di difesa, ma anche in formazione continua per il personale;
  • Evoluzione delle minacce: le minacce informatiche sono in costante evoluzione. I cybercriminali sviluppano continuamente nuove tecniche per bypassare le difese esistenti, rendendo necessaria un continuo aggiornamento delle misure di sicurezza.

Sicurezza informatica in Italia: cosa puoi fare nel tuo piccolo per proteggere la tua azienda da subito?

La sicurezza informatica può sembrare una necessità complessa, ma vi sono azioni concrete che ogni imprenditore può intraprendere per proteggere la propria azienda. Ecco alcuni passi pratici da considerare:

  • Formazione continua del personale: investi nella formazione continua dei tuoi dipendenti. Organizza corsi di aggiornamento regolari sulla sicurezza informatica, focalizzandoti sulle pratiche migliori per evitare phishing, attacchi DDos, attacchi Zero Day e altre minacce comuni;
  • Aggiornamenti e patch: attua test di Vulnerability Assessment e assicurati che tutti i software utilizzati in azienda siano sempre aggiornati all’ultima versione disponibile. Gli aggiornamenti spesso includono patch di sicurezza che correggono vulnerabilità note;
  • Utilizzo di software antivirus e firewall: installa e mantieni aggiornati software antivirus e firewall su tutti i dispositivi aziendali. Questi strumenti possono rilevare e bloccare molte minacce prima che possano causare danni;
  • Backup regolari dei fati: effettua backup regolari dei dati aziendali e controlla che siano conservati in luoghi sicuri. In caso di attacco ransomware, disporre di copie di backup può fare la differenza tra una rapida ripresa e una perdita importante;
  • Politiche di accesso: implementa politiche di accesso rigorose. Limita i permessi ai dati sensibili solo ai dipendenti che ne hanno effettivamente bisogno per svolgere il loro lavoro. Usa l’autenticazione a due fattori per aggiungere un ulteriore livello di sicurezza;
  • Consulenza di esperti: non esitare a rivolgerti a esperti di cybersecurity per una valutazione approfondita della sicurezza dei dati della tua azienda. Spesso, un occhio esterno può identificare vulnerabilità che potrebbero sfuggire a un esame interno;
  • Pianificazione di risposta agli incidenti: prepara un piano di Disaster Recovery & Business Continuity che delinei chiaramente i passaggi da seguire in caso di attacco. Un piano ben strutturato può ridurre i tempi di reazione e limitare i danni.

Prendere queste misure non solo aiuterà a proteggere la tua azienda, ma contribuirà anche a creare una cultura della sicurezza informatica all’interno del tuo team, riducendo significativamente il rischio di attacchi.

LEGGI ANCHE: Dark Web e Deep Web: qual è la differenza? Che pericoli si corrono? Come difendersi?

Potresti provarci da solo, ma per proteggere la tua azienda hai di sicuro bisogno di Brain Computing!

Sappiamo che vuoi il meglio per la tua impresa e che la sicurezza informatica è troppo importante per lasciarla al caso. Potresti provare a gestire tutto da solo, ma perché rischiare quando puoi avere al tuo fianco un partner esperto come Brain Computing?

Noi di Brain Computing offriamo soluzioni personalizzate e all’avanguardia di Cyber Security in Italia, progettate specificamente per proteggere le imprese italiane dalle minacce cyber. Non si tratta solo di implementare tecnologie avanzate, ma di costruire una strategia di sicurezza su misura per te, che tenga conto delle tue esigenze specifiche e delle sfide del tuo settore.

Non aspettare che sia troppo tardi. Contattaci oggi stesso e scopri come Brain Computing può migliorare nel concreto la sicurezza della tua azienda.

La tua tranquillità e la protezione della tua azienda sono la nostra priorità. Parliamone subito e costruiamo insieme una difesa a prova di hacker!

 

SEO Copywriter e Content Specialist